Maltempo, in arrivo un ciclone mediterraneo: pericolo nubifragi e burrasche

4' di lettura 09/02/2023 - ROMA - Il Mediterraneo centrale e l’Italia rimangono al momento sede di una circolazione depressionaria in quota associata a una massa d’aria decisamente fredda di origine artica, con temperature sotto le medie stagionali e un freddo invernale accentuato al Centro-Sud dalla ventilazione orientale.

Nelle prossime ore saranno ancora possibili episodi di debole neve a quote molto basse nelle regioni del medio Adriatico e in Basilicata. Si sta inoltre approfondendo al suolo un vortice ciclonico fra il basso Ionio e il Canale di Sicilia (perturbazione n. 5 del mese) che nelle prossime 24-30 ore determinerà una fase di marcato maltempo con possibili criticità soprattutto nell’isola, ma in maniera marginale anche nel sud della Calabria. Dalla prossima notte e per buona parte della giornata di domani (venerdì) il vortice potrebbe assumere caratteristiche simili a un ciclone tropicale divenendo un TLC (Tropical Like Cyclone) detto anche Medicane (Mediterranean Hurricane).

Tra oggi e domani mattina sono attesi forti rovesci e possibili nubifragi nel settore orientale e meridionale della Sicilia e nevicate abbondanti oltre i 700-900 metri, il tutto accompagnato anche da forti venti orientali che con raffiche tempestose oltre i 100 km/h renderanno i mari molto agitati e favoriranno forti mareggiate nelle coste ioniche. Un definitivo miglioramento all’estremo Sud è atteso domani verso sera grazie all’allontanamento della perturbazione e all’avanzata dell’alta pressione che dovrebbe garantire una fase di tranquillità meteorologica per diversi giorni, accompagnata da aria più temperata che mitigherà il freddo di questi giorni. Da segnalare solo il rapido transito di un debole impulso sul medio Adriatico e al meridione fra domenica pomeriggio e lunedì, ma con scarse conseguenze in termini di precipitazioni.

LE PREVISIONI PER LE PROSSIME ORE

Tempo perturbato in Sicilia e nel sud della Calabria con precipitazioni sparse anche moderate, più insistenti nel settore ionico e con possibili forti rovesci o temporali tra sera e notte nel settore centro-meridionale dell’isola; neve sui rilievi fino ai 700-1000 metri. Fenomeni più isolati nel nord della Calabria con neve in Sila fino ai 600 metri. Prevalenza di nuvole anche sul medio Adriatico e gran parte del Sud, più compatte e associate nel corso della giornata a qualche breve e debole precipitazione su Marche, Abruzzo, Molise, Potentino e Campania, nevosa oltre i 100-300 metri. Possibili isolate precipitazioni anche in Sardegna con neve all’interno oltre i 600 metri circa. Tempo più soleggiato invece sul settore tirrenico del Centro e al Nord con qualche iniziale addensamento in diradamento al Nord-Ovest e sull’Emilia Romagna meridionale e gli ultimi fiocchi di neve in Romagna. Temperature massime senza grandi variazioni e ancora sotto le medie stagionali. Venti fino a forti orientali al Sud, specie in Sicilia con raffiche anche tempestose a fine giornata nel sud-est dell’isola. Piuttosto ventoso anche in Sardegna, Umbria, Toscana e Liguria. Ventilazione variabile sul medio e alto Adriatico, scarsa nel resto del Nord. Mari: mossi l’Adriatico e il Ligure orientale e il Tirreno sotto costa alla penisola, da molto mossi ad agitati tutti gli altri mari, fino a molto agitati il basso Ionio e il Canale di Sicilia.

LE PREVISIONI PER VENERDÌ 10 FEBBRAIO

Fino al mattino tempo ancora perturbato sulla Calabria meridionale e in Sicilia, con rovesci o temporali anche forti nel sud-est dell’isola e con neve oltre 700-1000 metri circa; nel pomeriggio fenomeni in graduale attenuazione fino ad esaurimento in serata. Sul resto del Sud e sul medio Adriatico ancora un po’ di nuvole sparse, in parziale diradamento. Nelle altre regioni tempo prevalentemente soleggiato. Gelate mattutine diffuse al Nord, più localizzate al Centro. Temperature massime in rialzo, eccetto in Sicilia, anche di 2-4 gradi nelle regioni settentrionali. Venti deboli al Nord, moderati settentrionali sulle regioni centro meridionali e in Sardegna; forti nord-orientali in Sicilia con possibili raffiche tempestose nel sud ed est dell’isola. Mari: fino a molto agitati o grossi il basso Ionio e il Canale di Sicilia con possibili mareggiate nelle coste orientali della Sicilia; agitato il basso Tirreno occidentale; molto mossi l’alto Ionio, il resto del Tirreno e il Mare di Sardegna; mossi o localmente poco mossi i restanti bacini.

LE PREVISIONI PER SABATO 11 FEBBRAIO

Tempo stabile e prevalentemente soleggiato in tutto il Paese. Da segnalare dei modesti annuvolamenti al Sud e in Sicilia, e delle velature in transito nel corso della giornata fra il Nord e il Centro. Temperature in generale aumento, con minime ancora leggermente sottozero al Nord e localmente anche al Centro. Venti fino a moderati di Maestrale sull’Adriatico e il Tirreno occidentale, settentrionali su Sicilia e Ionio, deboli altrove. Mari: molto mossi i canali delle Isole e il basso Ionio; mossi l’Adriatico centrale e meridionale, il Tirreno occidentale e l’alto Ionio; poco mossi gli altri.


   

di Agenzia DIRE





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 09-02-2023 alle 21:05 sul giornale del 10 febbraio 2023 - 14 letture

In questo articolo si parla di attualità, agenzia, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dRM7





logoEV
qrcode