Un Gigante della Sardegna in mostra al Met di New York

6' di lettura 13/05/2023 - (Adnkronos) - Il Metropolitan Museum of Art di New York ha annunciato l'importante prestito da parte della Fondazione Mont'e Prama, in Sardegna, di una colossale statua in calcare di un pugile noto come Manneddu (mannu in sardo significa "grande").

La figura del Gigante, alta quasi due metri e mezzo, risalente al 900-750 a.C. circa, sarà esposta per sei mesi, dal 25 maggio al 6 dicembre 2023, nella Galleria 150 delle Gallerie di Arte Greca e Romana del Met. Questo importante prestito è il primo accordo tra il Metropolitan Museum of Art e la Fondazione Mont'e Prama; è stato organizzato con il sostegno della Regione Autonoma della Sardegna e in collaborazione con il Ministero della Cultura italiano e il presidente della Regione Sardegna. Max Hollein, direttore del Metropolitan Museum of Art, ha dichiarato: "I Giganti di Mont'e Prama sono diventati ambasciatori globali di questa antica civiltà sarda e siamo entusiasti di averne uno in prestito per dare il benvenuto ai visitatori delle nostre Gallerie greche e romane. Presentata in un contesto di opere della nostra collezione, la mostra arricchirà ulteriormente la nostra conoscenza della cultura sarda e delle culture italiche affini.

Il Metropolitan Museum è grato alla Fondazione Mont'e Prama, alla Regione Autonoma della Sardegna, al Ministero dei Beni Culturali italiano e al presidente della Regione Sardegna per aver reso possibile questo prestito straordinario". Negli ultimi decenni, migliaia di frammenti scultorei in pietra calcarea risalenti al 900-750 a.C. circa sono stati scoperti in una necropoli ai piedi della bassa collina di Mont'e Prama, sul versante occidentale della Sardegna. Finora i pezzi sono stati riassemblati in 28 statue raffiguranti arcieri, guerrieri e pugili, noti come i Giganti di Mont'e Prama. L'esemplare che sarà prestato al Metropolitan Museum of Art - uno dei pugili - è il più grande del gruppo. Il suo braccio sinistro sollevato reggeva originariamente uno scudo, mentre il braccio destro mancante era inguainato in un guanto chiodato che poteva essere usato come arma. Queste figure potrebbero rappresentare guerrieri armati per il combattimento ravvicinato o atleti impegnati in giochi in onore di una divinità o di un defunto. La straordinaria storia della riscoperta dei Giganti di Mont'e Prama è iniziata il 28 marzo 1974, quando due contadini che aravano il loro campo a Cabras trovarono una grande testa, la prima di migliaia di frammenti raccolti dagli archeologi nei decenni successivi. Nel 2007, oltre 5.000 frammenti scultorei rinvenuti a Mont'e Prama sono stati trasferiti al Centro di Conservazione e Restauro di Li Punti, nella città di Sassari.

Nei quattro anni successivi sono state ricostruite 28 statue e 16 sculture che rappresentano modelli di nuraghi (le torri di pietra preistoriche della Sardegna). Sono state poi esposte in Sardegna nei musei di Cagliari e Cabras. Nuovi scavi dopo il 2014 hanno recuperato altre migliaia di frammenti. Nel 2021 il Ministero della Cultura, la Regione Sardegna e il Comune di Cabras hanno creato la Fondazione Mont'e Prama, a cui è affidata la cura e l'esposizione dei Giganti. Il Gigante in prestito al Metropolitan Museum of Art sarà esposto al centro della Galleria 150, una posizione chiave nelle Gallerie di Arte Greca e Romana, dove vengono messi in evidenza i prestiti di oggetti singoli di grande importanza. Inoltre, in occasione dell'esposizione del prestito, una vetrina vicina presenterà una selezione di oggetti in bronzo greci e italici del Museo che riflettono l'ideologia e l'immaginario guerriero presenti in molte culture diverse dell'antico mondo mediterraneo. Questi oggetti comprendono un elmo di bronzo villanoviano del IX secolo a.C., due elmi cretesi della fine del VII secolo a.C., statuette di guerrieri etruschi e umbri della fine del VI-IV secolo a.C. e un'armatura etrusca in miniatura del V secolo a.C.. La mostra è organizzata da Seán Hemingway, curatore del Dipartimento di Arte Greca e Romana del Met, e Alexis Belis, assistente curatore dello stesso Dipartimento.

Il 22 settembre il Met ospiterà una conferenza dal titolo "Tra statue giganti e paesaggi indigeni: Mont'e Prama e la Sardegna dell'età del ferro nel Mediterraneo allargato", in collaborazione con l'Aia New York Society. Il relatore sarà Peter van Dommelen, professore di archeologia della famiglia Joukowsky e professore di antropologia, direttore del Joukowsky Institute for Archaeology and the Ancient World della Brown University. "Nonostante sia la seconda isola più grande del Mediterraneo, il ricco patrimonio culturale della Sardegna è relativamente sconosciuto a molti. Siamo entusiasti di poter presentare uno degli spettacolari Giganti di Mont'e Prama all'ingresso delle Gallerie Greche e Romane del Metropolitan Museum of Art - ha dichiarato Seán Hemingway - I visitatori vedranno questa figura imponente in relazione alle opere d'arte greca e italica della collezione del Met, ricordandoci le diverse culture che popolavano la regione mediterranea all'inizio del primo millennio a.C. e le loro distintive tradizioni artistiche". "Siamo profondamente onorati di collaborare con un'istituzione prestigiosa come il Metropolitan Museum of Art, dopo la nostra precedente collaborazione con l'Accademia Italiana della Columbia University - ha aggiunto Anthony Muroni, presidente della Fondazione Mont'e Prama - Grazie al contributo del Ministero della Cultura e della Regione Autonoma della Sardegna, abbiamo ora l'opportunità di presentare le statue dei Giganti di Pietra di Mont'e Prama e la storia plurimillenaria della Sardegna negli Stati Uniti d'America, chiudendo così il cerchio dopo il tour europeo che ha portato la mostra a Berlino, San Pietroburgo, Salonicco e Napoli".

"Il nostro desiderio è che tutti i visitatori del Metropolitan Museum of Art siano affascinati dalla storia della Sardegna, e che magari un giorno diventino ospiti della nostra splendida isola nel cuore del Mediterraneo. Vogliamo raccontare la storia dell'isola, già rinomata per le sue spiagge incontaminate e il mare cristallino, esplorando il patrimonio millenario che l'ha trasformata in un museo archeologico a cielo aperto. Il paesaggio dell'isola è costellato da oltre 10.000 torri megalitiche costruite nell'Età del Bronzo dalla civiltà nuragica, i cui eroici discendenti sono riconoscibili nelle statue dei Guerrieri di Pietra di Mont'e Prama", ha dichiarato Nadia Canu, direttrice della Fondazione Mont'e Prama. Mariangela Zappia, Ambasciatore d'Italia negli Stati Uniti, ha commentato: "Sono lieta che il Metropolitan Museum of Art ospiti uno dei 33 storici Giganti sardi. Il cosiddetto Manneddu viene esposto negli Stati Uniti per la prima volta nella sua storia e per la seconda volta all'estero. Questo incredibile prestito è stato reso possibile dalla collaborazione del Metropolitan Museum con la Fondazione Mont'e Prama, con il Ministero della Cultura italiano e con la Regione Sardegna. Sono certo che il Manneddu aiuterà il pubblico a scoprire la misteriosa civiltà nuragica, il cui sito principale è tra gli ineguagliati siti del patrimonio mondiale dell'Unesco in Italia".






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 13-05-2023 alle 14:19 sul giornale del 15 maggio 2023 - 16 letture

In questo articolo si parla di attualità, adnkronos

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/d8I5





logoEV
qrcode